Vai al contenuto

Umiltà nella danza, nello sport, nella vita

Per crescere nella danza, nel ballo, nello sport, nella vita, è importante l’UMILTÀ! Lo dicono in tanti ma poi alla fine…?

Più volte capita a noi e ai nostri colleghi, di sentire frasi del tipo:

“ma io sono già capace!”,

“ Io so già ballare”,

“Io lo so fare bene! Se non viene è perchè sbaglia lui/lei”,

“Io lo so fare ma c’è il pavimento che è troppo scivoloso”,

“Io lo so fare ma c’è il pavimento troppo poco scivoloso” ecc all’infinito.

Il più delle volte, chi le pronuncia si dimostra poi, più indietro rispetto ai compagni di corso. Questo accade nella maggior parte dei casi. Succede anche, che si presentano persone che vantano un curriculum straordinario: “ho studiato con questo campione del mondo, ho studiato con questo artista super top mega straordinario ecc…”, citando nomi eccezionali e recitano l’ elenco come se questo fosse una prova della loro bravura.

 

 

 

 

IL CAMPIONE RESTA LUI

Studiare con grandi campioni o grandi ballerini non è una cosa impossibile, ma il fatto non è questo. E’ tutto assolutamente fattibile ma, studiare da un grande ballerino non significa che il livello dell’allievo sia superiore a quello di altri allievi di altre scuole. Il campione del mondo resta lui, non tu che ci hai studiato un’ora nella vita, durante uno stage, o ci hai fatto 2 o 3 lezioni private. È la brutta notizia è che non conta nemmeno quanto tu abbia speso in denaro per studiare dall’ ètoile in questione!

SE FACCIO UNA GIORNATA DI ALLENAMENTO CON RONALDO, non giocherò come lui a fine giornata no?! Se studio un anno con Ronaldo, non significa che sarò il suo erede sportivo, no? Il campione è lui, io ho avuto la grande possibilità di studiare con lui, ma non significa nulla. Io potrei non essere stato in grado di apprendere i suoi insegnamenti, oppure lui potrebbe essere un grande “performer” ma un mediocre insegnante, o potrebbe essere passato troppo tempo da quando ho studiato con lui, e nel frattempo non ho più messo in pratica i suoi insegnamenti e consigli…

 

 

 

 

 

UMILTÀ – L’ESSENZIALE

Essere umili nella danza, nello sport e nella vita in generale, significa mantenersi essenziali, lucidi e attenti solo a ciò che serve. La superbia distrae, e così la preoccupazione di apparire perfetti.
BISOGNA SAPERSI ASSUMERE LE PROPRIE RESPONSABILITÀ, la colpa di una gara o di una performance o anche solo di un allenamento, andati male non è sempre dell’ALTRO. È raro avere il coraggio di dire: “Ho sbagliato”. È troppo facile cercare sempre degli alibi (la stanchezza, il compagno/a/ la squadra, l’ambiente, il pavimento, la pista, la musica ecc). Per crescere bisogna essere umili in tutte la situazioni. Quando si perde. Quando ci si allena. E quando si vince. RIMANERE SEMPRE CON I PIEDI PER TERRA e non dimenticare di dar merito a chi ha contribuito allo sviluppo del nostro sapere di oggi. L’umiltà deve essere uno stile di vita. Non è possibile che quando le cose non vanno bene, la colpa è sempre di altri e quando si fa bene il merito è sempre proprio.

 

 

costanza e dedizione per diventare bravi ballerini

 

 

UMILTÀ E FIDUCIA

Molte volte gli insegnanti o gli allenatori, riscontrano nell’allievo una MANCANZA DI FIDUCIA. Se parliamo di ACCADEMIE, è normale che avendo parecchie ore di danza con tanti insegnanti diversi (peraltro non scelti da noi), ci sia più affinità con qualcuno piuttosto che con qualcun altro. Dunque magari ci affidiamo di più ad un maestro piuttosto che a un altro. Ma parlando di scuole di danza “normali” rivolte anche a un pubblico amatoriale, come ce ne sono migliaia in Italia e nel mondo, si intendono delle realtà che vengono scelte dagli allievi stessi.

Io allievo vedo la pubblicità di una certa scuola o vedo una dimostrazione, uno stage, o conosco un amico/a che frequenta quella scuola e mi iscrivo! Sono io che scelgo la scuola Tal dei Tali. Se io durante il percorso non mi fido e non mi affido all’insegnante che ho scelto, c’è un problema. Questo è poco produttivo, poiché se l’allievo sceglie una certa scuola, una certa squadra o un certo insegnante è perché (in teoria) è attirato da quel tipo di lavoro. Dunque siccome è una scelta dell’allievo, egli stesso dovrebbe essere ben disposto ad AFFIDARSI all’insegnante in questione.

 

 

REGISTRATI GRATUITAMENTE

 

 

Grazie a questo affidamento, allora si può crescere. Se non ci fidiamo del nostro insegnante e dei programmi che lui ha studiato per noi o per il gruppo, perché continuiamo a studiare con lui? Se non ci affidiamo al suo lavoro, si crea una sorta di dissonanza tra noi e lui. È come se si tirasse la stessa fune da due parti opposte. Risultato? Se va bene, nullo.

 

 

costanza sport dedizione danza obiettivi

 

 

 

REGISTRATI GRATUITAMENTE

 

 

UMILTÀ SEMPRE

Anche nei semplici allenamenti bisogna avere l’umiltà di accettare in linea di massima tutti i programmi preparati da coloro che ne sanno più di noi. Se non si è d’accordo, si discutono insieme e si cerca di capire come proseguire al meglio. Inoltre è importante cercare di mettere in pratica, il più possibile, gli accorgimenti che ci vengono suggeriti a lezione.

 

 

MIGLIORARE SE STESSI

La cosa principale è aver voglia di migliorare se stessi continuamente. Non c’è cosa più bella dei progressi. Spesso si è più felici per un miglioramento personale grazie ad un duro lavoro che per una vittoria facile. Crescere è il fine più grande! Impariamo a guardare i piccoli traguardi raggiunti. Ieri non riuscivamo a fare una cosa oggi magari ci riesce meglio. Un anno fa non pensavamo neanche di iscriverci a una scuola di danza e oggi magari balliamo. Un anno fa non avremmo mai pensato di poter ballare con una certa fluidità e oggi ne siamo in grado. Sei mesi fa, non andavamo a tempo di musica nemmeno se ci pagavano, mentre oggi va decisamente meglio. Due anni fa non riuscivamo a fare la spaccata ed oggi, dopo un lungo e faticoso allenamento costante, ci riusciamo.

 

 

UMILTÀ E RESPONSABILITÀ

 

UMILTà NELLO SPORT DANZA

 

 

 

 

 

 

ASSUMITI LA RESPONSABILITÀ

 

Guardiamo ai piccoli traguardi e cerchiamo di ASSUMERCENE la RESPONSABILITÀ.
Smettiamo di incolpare sempre l’altro o le condizioni esterne e impariamo a godere del viaggio verso il risultato. Divertiamoci nell’imparare cose nuove, nel rompere i limiti di ieri, nel riuscire dove ieri non riuscivamo, nel trovare il modo per risolvere un errore, un movimento, un passo, una guida…
Ricorda che:
E’ sempre molto più importante dimostrare nella pratica e non solo a parole, il nostro livello. Tutto questo discorso non vuol significare che dobbiamo passare la vita in un corso troppo indietro rispetto al nostro livello, ma significa che DOBBIAMO PRESTARE ATTENZIONE E PRENDERE CONSAPEVOLEZZA delle nostre capacità e del livello dei nostri compagni di corso.

 

 

 

 

MAGGIORE ARROGANZA MINOR APPRENDIMENTO

“Quando sei arrogante ed egocentrico”, afferma il Dr. Olds, stai chiudendo la porta a complessità, novità e imprevedibilità per preservare un’immagine distorta di te. Qualsiasi informazione in arrivo che potrebbe portare a dubbi su di te viene eliminata. Si tratta di una riduzione massiccia di dati. L’umiltà si muove nell’altra direzione: ci apre e aumenta le informazioni in arrivo. Di conseguenza, permette più opportunità per il riconoscimento di schemi, e dunque per l’apprendimento”

 

umiltà nella danza e nello sport

 

 

AMBIENTI DIVERSI – LIVELLI DIVERSI

Inoltre è importante capire che i livelli dei corsi sono diversi nelle diverse scuole. Il corso che la scuola A chiama INTERMEDIO potrebbe corrispondere al corso PRINCIPIANTI della scuola B o al corso AVANZATO della scuola C.
Alcune scuole prevedono un cambio di livello ogni 3/6 mesi (assurdo a mio avviso), altre ogni anno, altre ancora suddividono ciascun livello in sottolivelli ad es PRINCIPIANTI 1, PRINCIPIANTI 2, INTERMEDIO 1, INTERMEDIO 2, PRE AVANZATO ECC…

Ogni scuola è differente. La cosa migliore da fare è sfruttare nelle scuole che lo permettono (anche qui c’è da dire, che la prova gratuita non è una possibilità esistente ovunque) le prove gratuite. In questo modo possiamo provare più livelli e scegliere insieme allo staff di quella scuola, il più opportuno per noi.

Scegliere un corso troppo più AVANTI rispetto alle nostre capacità, ci farà buttare tempo e denaro perchè avremo troppa difficoltà nell’imparare i movimenti, i passi e le figure proposte in quel corso. Piuttosto possiamo valutare un percorso diverso o parallelo con delle lezioni private. Dall’altro canto anche scegliere un corso troppo più INDIETRO rispetto alle nostre competenze attuali, può essere frustrante e noioso. Dunque – CONSAPEVOLEZZA!

 

 

 

UMILTà NELLA DANZA BALLERINI

 

 

 

LEZIONI PRIVATE PER METTERSI AL PASSO DEL GRUPPO

Le lezioni individuali o per piccolissimi gruppi sono un’opportunità che non è sempre possibile sfruttare. Nelle scuole che permettono di farlo, potrebbe rivelarsi utile sfruttare qualche lezione privata per mettersi al passo del corso collettivo a cui ambiamo. ESSERE SEGUITI INDIVIDUALMENTE ci permette di dare un’ACCELERATA al nostro percorso. Un’altra soluzione è quella di iscriverci a un corso di livello leggermente inferiore, sfruttando le prime lezioni (di cui magari già conosciamo gli elementi insegnati) per ripassare, per poi andare avanti con una logica di efficienza diversa e più consapevole.

 

COME MIGLIORARSI?

Ovviamente per progredire dobbiamo impegnarci, affidarci e metterci in ascolto, senza dimenticare che non succedono cambiamenti radicali dall’oggi al domani e che l’insegnante non è abilitato a fare miracoli. QUINDI IL MIGLIORAMENTO AVVIENE GRAZIE A UNA SERIE DI FATTORI, NON ULTIME LE CAPACITÀ INDIVIDUALI di ogni allievo, come la predisposizione, la fisicità, la coordinazione, la musicalità, l’espressione, la velocità di apprendimento ecc… Restiamo in ascolto di noi stessi. Cerchiamo di migliorare ad ogni lezione, ad ogni allenamento. Più pratichiamo meglio è. Più momenti passiamo immersi nell’attività che vogliamo migliorare, più probabilità di migliorare abbiamo.

 

 

UMILTà DANZA

 

Essere umili non significa credere meno in se stessi, significa essere consapevoli che c’è ancora tanto da fare e che ogni cosa può essere migliorata, abbellita, affinata. Significa inoltre capire che possiamo imparare da chiunque anche dall’ultimo arrivato a scuola, anche dal principiante, anche da chi fa le cose in maniera diversa da come le faremmo noi.

 

Usiamo l’umiltà come un’arma in più per crescere!

 

 

 

Se l’articolo ti è piaciuto iscriviti al sito e resta connesso con noi!

 

REGISTRATI GRATUITAMENTE

 

 

 

Qui sotto altri articoli che potrebbero interessarti!

 

PRIMO BALLERINO SUI PALCHI DI TUTTO IL MONDO 

DANZA E PSICOLOGIA

CONSIGLI A TAVOLA PER UN BALLERINO

GUARDA I NOSTRI CORSI DI BALLO

 

 

Fonti:

Il ruolo dell’umiltà nello sport

Sportivi si nasce e si diventa

 

 

 

Autore

  • Carlo Perino

    Autore e Fondatore di MOVIMENTOEBALLO.COM Mi avvicino alle danze caraibiche nel 2007, senza alcuna predisposizione al ballo. Comincio per sfida, mi innamoro e trasformo il ballo nel mio lavoro principale. Sono un insegnante di Danze caraibiche, Kizomba e Hip Hop. Ho insegnato in diverse scuole e palestre del Nord Italia, ho inoltre tenuto corsi di Zumba e Aerobica. Negli ultimi anni mi sono avvicinato molto alla danza contemporanea e moderna. Ho creato questo sito per dare la possibilità alle persone di avvicinarsi gratuitamente al mondo del ballo e del movimento. L intento è di fornire stimoli, informazioni utili, curiosità al lettore.

Lascia un commento

corsI di ballo
corsI di ballo
corsI di ballo
A PREZZO SPECIALE
corsI di ballo
i nostri
Sei di Torino? Studia con noi, nei nostri corsi LIVE