BACHATA: storia e video lezione

Ciao, oggi parliamo di BACHATA! Capiamo insieme dove e quando nasce, e come cominciare a fare i primi passi in coppia. Ti darò qualche nozione teorica per comprendere un po’ della storia di questo genere e poi passeremo alla pratica con una video-lezione per IMPARARE A BALLARE BACHATA. Cominciamo!

 

Perchè la BACHATA si chiama così?

La BACHATA come vedremo tra poco nasce intorno agli anni ’30/’40 ma le sue origini sono più antiche e si rifanno agli anni ’20 del secolo scorso. Il termine bachata in quegli anni, era usato per indicare la FESTA era dunque una parola usata come sinonimo di “far baldoria”. Se conosci un po’ la storia degli altri balli caraibici, sai che per esempio anche la RUMBA AFRO CUBANA ha etimologicamente lo stesso significato, infatti RUMBEAR significa “FAR FESTA, FAR BALDORIA”. Per il termine Bachata è la stessa cosa.

In un documento storico risalente a i primi anni ’20 si legge” è la festa, che sia di fisarmonica, o la bachata a suoni di chitarre, canti o boleros. Lì si sta lunghe ore, tra un sorso e l’altro di rum, senza preoccuparsi di niente, né dell’alito asfissiante con che la polvere ed il sudore rarefatto soffocano l’ambiente, né della forma incivile con la quale si passano l’una o l’altra ballerina, fino a che a notte inoltrata si ritorna brilli a casa.”

 

FESTA, BACHATA,BALLO

C’è da dire per la precisione, che in quegli anni si differenziavano i termini festa, ballo e bachata, come segnalava Reamón Emilio Jiménez nel 1955. La gente del popolo sapeva bene che le tre erano celebrazioni differenti: si considerava BALLO quello che aveva luogo in SALONI DI LUSSO, dove prevalevano le danze eleganti dell’epoca con la presenza dell’orchestra. LE FESTE erano invece celebrazioni con güira, tambora e fisarmonica, dove le musiche suonate erano per lo più merengue (che abbiamo trattato in QUESTO ARTICOLO) e zapateo (suoni prodotti dal ticchettare delle scarpe). LE BACHATE erano specificatamente le feste padroneggiate da chitarre, bongo, “palitos y cucharas” (bastoncini e cucchiai) e altri strumenti, dove si ballavano prevalentemente bolero e guarachas, ma si intonavano anche son (ballo cubano), rancheras (ballo messicano) e merengue con chitarra.

 

SEGUICI SU INSTAGRAM E SCOPRI TANTE CURIOSITA’ SUI DIVERSI BALLI 

CLICCA SULL’IMMAGINE QUI SOTTO

 

 

 

Quando e dove è nata la bachata?

La bachata nasce a Santo Domingo tra gli anni ’30 e ’40, si sviluppa principalmente nei quartieri poveri del paese, viene suonata nei bordelli e in luoghi malfamati.
E’ caratterizzata da testi espliciti e talvolta volgari, ma anche molto tristi. I testi infatti trattano storie difficili vissute in quei contesti sociali, in quegli anni.
Inizialmente, proprio per queste sue caratteristiche, viene contrastata dalla classe media perbenista. Per oltre 40 anni questo genere “vive nell’ombra” e non viene suonata nè trasmessa al di fuori dei contesti citati sopra.
Ma negli anni ’80 finalmente esce alla luce del sole, grazie all’emittente radiofonica RADIO GUARACHITA, che trasmetteva molti pezzi di bachata.
Il sostantivo BACHATA similmente al nome rumba significa: far festa, far baldoria.

 

BACHATA IL CORSO COMPLETO ONLINE

 

CHI HA RESO FAMOSA LA BACHATA?

Il compositore conosciuto come “padre della bachata” è Luis Segura, uno dei massimi esponenti del genere e colui che diede una forte spinta alla sua diffusione.
JUAN LUIS GUERRA, altro grande artista, grazie al successo enorme del suo album “BACHATA ROSA” portò il genere fuori da SANTO DOMINGO, nel 1990.

In Italia, questo ritmo si scoprì grazie a OBSESION la hit 2001 degli AVENTURA (il frontman del gruppo è stato ROMEO SANTOS, che ha poi intrapreso la carriera solista).

L’11 dicembre 2019, la musica e il ballo della bachata dominicana sono stati dichiarati patrimonio culturale immateriale UNESCO (https://it.wikipedia.org/wiki/Bachata)

 

 

REGISTRATI GRATUITAMENTE

 

BALLARE BACHATA

Nel video puoi vedere il passo base della bachata eseguito in coppia, ed il giro della dama.

Il passo base prevede 8 PASSI su 8 TEMPI.
Quindi al contrario della Salsa, non ci sono pause.
8 tempi = 8 passi
Il passo 4 ed il passo 8 sono SENZA PESO
Ovvero andrai ad eseguirli senza lasciarci il peso sopra, in maniera che tu possa ripartire dal lato opposto, con lo stesso piede.
Per cominciare potresti fare il passo 4 e 8 di punta, senza appoggiare il tallone.

PASSI DI BACHATA: SCHEMA PRATICO

APRO-CHIUDO-APRO- PUNTA (senza peso)
e ripeterai dall’altra parte;
Se quando devi ricominciare la sequenza dall’altra parte, sei scomodo/a significa che non hai distribuito bene i pesi…se non riesci a ripartire con lo stesso piede che marca il passo 4 (o l’8) significa che ci hai lasciato il peso sopra… se il piede non è libero dal peso, chiaramente non può ripartire con facilità. I passi 4 e 8 sono da eseguire senza peso (sono un TOUCH, uno step, tocco e vado via).

ATTENZIONE perchè  è vero che il 4 e 8 sono senza peso, ma hanno un loro valore di durata; cioè valgono quanto gli altri passi… Quando tocchi con la punta e riparti dall’altra parte, NON ACCELERARE, rispetta i tempi musicali:
8 tempi=8 passi della stessa durata

 

COSA EVITARE

  • Evita di fare movimenti troppo forti o scattosi;
  • Evita di accentuare TROPPO il movimento del bacino sul 4 e 8;
  • Evita di fare passi troppo lunghi

 

 

 

 

GRUPPI E CANTANTI

Aventura, Romeo Santos, Juan Luis Guerra, Victor Rojas, Joe Veras, Daniel Santacruz, El Torito, Frank Reyes, Juan Luis Fonsi, Domenic Marte, Zacarias Ferreira, Prince Royce,  Hispanico latino, Monchy y Alexandra, Hector Acosta, Leslie Grace, Johnny Sky, Dany J, Grupo Extra…

Pubblicherò altri articoli sulla bachata dove parlerò delle correnti stilistiche e interpretative del ballo, inoltre posterò alcuni video tutorial grazie ai quali potrai imparare passi nuovi oppure rivedere e migliorare alcuni passaggi, nel caso in cui tu sappia già ballare.

 

DAI UN’OCCHIATA A QUESTE LEZIONI:

BACHATA DOMINICANA

BACHATA: IMPARARE IL MOVIMENTO DI BACINO

Ho preparato una playlist di bachata, ti lascio qui sotto il link:

PLAYLIST BACHATA

 

Se sei arrivato fino a qui ti chiediamo un piccolo favore, a te non costa nulla ma per noi è la prova che i contenuti che pubblichiamo sono di tuo gradimento! Iscriviti al sito gratuitamente e condividi questo articolo sui tuoi social. Aiutaci a crescere, in questo modo potremmo fornirti contenuti di qualità superiore e vedere il nostro impegno ripagato. Grazie per il sostegno e a presto!

 

 

REGISTRATI GRATUITAMENTE

 

 

 

Altre Fonti:

Le danze caraibiche latino americane (edizione 2002- Valdes, Calzado Puentes, Marini, Cugge, Mariani, Vaerini, Rabou, Restuccia, Di Stazio)

Salsa.it

 

 

 

Autore

  • Autore e Fondatore di MOVIMENTOEBALLO.COM Mi avvicino alle danze caraibiche nel 2007, senza alcuna predisposizione al ballo. Comincio per sfida, mi innamoro e trasformo il ballo nel mio lavoro principale. Sono un insegnante di Danze caraibiche, Kizomba e Hip Hop. Ho insegnato in diverse scuole e palestre del Nord Italia, ho inoltre tenuto corsi di Zumba e Aerobica. Negli ultimi anni mi sono avvicinato molto alla danza contemporanea e moderna. Ho creato questo sito per dare la possibilità alle persone di avvicinarsi gratuitamente al mondo del ballo e del movimento. L intento è di fornire stimoli, informazioni utili, curiosità al lettore.

Lascia un commento